Vuoi crescere? Esci dalla tua “comfort zone”

27 aprile 2018 Lascia il tuo commento

Ogni nuovo progetto presenta l’opportunità di crescere.
Ogni nuovo cliente ti dà l’opportunità di migliorare la comunicazione o perfezionare il tuo processo creativo.
Ogni nuovo progetto ti dà la possibilità di migliorare le tue capacità di progettazione, esplorare nuove skills o sfidarti in modo creativo.
Certo, ci possono volere degli anni per capire e sviluppare le proprie opportunità di crescita; all’inizio probabilmente è difficile bilanciare ciò che i clienti pagano e il lavoro che si deve effettivamente svolgere, ma è fondamentale capire come come gestire il proprio tempo e rispettare il programma che si è prestabilito.

Come si danno le priorità? Come si stabiliscono i diversi step del processo creativo?

Ecco alcuni consigli/regole da seguire:

Seleziona intenzionalmente dei progetti stimolanti.
Quando un cliente chiede di intraprendere un progetto stimolante o fare qualcosa di un po’ “fuori dalla propria comfort zone”, non ci si deve far intimidire. È vero è difficile imparare cose nuove senza correre rischi. Ma online esistono moltissime risorse che ci permettono di imparare sempre qualcosa di nuovo.

Trasforma le conversazioni “difficili” in strumenti di allenamento.
A volte i progetti non sono fluidi, ci si imbatte in problemi e, forse, ci si può trovare in una conversazioni poco piacevoli con un cliente: capita di dover sollecitare un pagamento, la fornitura di materiale o un feedback sul materiale già inviato, altre volte capita di dover spiegare perché certe aspettative siano irrealistiche o risolvere un problema o spiegare un ritardo.
Queste conversazioni non vanno evitate, ma usate per migliorare se stessi ed il modo in cui ci si interfaccia con i clienti.
Spesso l’insorgere di problemi, è sintomo che qualcosa deve essere cambiato:
. I ritardi dei clienti, ad esempio, possono essere un segnale che la comunicazione tra le parti non è stata chiara o che il cliente ha difficoltà a seguire il processo creativo.
. Quando i clienti hanno aspettative non realistiche, può essere che non gli siano stati spiegati i passaggi del progetto o magari non sono stati capiti pienamente i loro bisogni.
. Quando c’è un ritardo o si manca una scadenza, generalmente è un segno che ci si è sovraccaricati o non si è concesso un margine di tempo sufficiente.
Qual’è la causa alla radice della problema? Il metodo migliore è intervenire per adattare il proprio processo creativo in modo da poter evitare il problema in futuro.

Utilizzate le domande come un’opportunità per migliorare la customer experience.
È vero che a volte le domande infastidiscono, ma spesso permettono di capire meglio il cliente, anche al di fuori del progetto in sé e quindi permettono di incanalare meglio le energie necessarie per lo sviluppo del processo.
Le domande dei clienti sono un’indicazione preziosa del fatto che non si sta semplicemente comunicando in modo chiaro, perchè i clienti spesso vogliono entrare nel processo creativo, non per interferire, ma per essere rassicurati.
Per facilitare le cose si possono fornire aggiornamenti sui progressi in tutte le fasi di un progetto.

Utilizzare le domande come un’opportunità per crescere il proprio business significa uscire dalla propria zona di comfort per espandere le proprie capacità – sia creative che aziendali.

Ti senti bloccato? Senti come se non riuscissi a raggiungere nuovi clienti o i tuoi obiettivi finanziari?
Non sei solo. Se hai raggiunto un buon livello di business ma stai stazionando, potrebbe essere un segno che devi metterti in discussione per crescere, uscire dalla “comfort zone” potrebbe essere la soluzione.